FRANCESCO ZARZANA

Note biografiche

 

 

         Francesco Zarzana, scrittore, drammaturgo e regista. Nato a Palermo il 16.10.1965 e residente a Modena dal 1987, è presidente dell’associazione culturale Progettarte di Modena e fondatore e curatore del Buk Festival della Piccola e Media Editoria, giunta alla quattordicesima edizione e dal 2020 del Buk Film Festival che si snoda nei Comuni di Modena, Sassuolo e Castelfranco Emilia. Dal 2005 è membro dello European Association for Local Democracy che ha sede presso il Consiglio d’Europa di Strasburgo e per questo organismo è stato eletto per il quadriennio 2016-2020 membro del Governing Board (unica presenza italiana nel Consiglio Direttivo Internazionale) e riconfermato per il quadriennio 2020-2024 (con deleghe su Cultura e Area Mediteranea) con l’aggiunta della prestigiosa carica di vice presidente.

 

 

 

TEATRO

     Per il teatro ha scritto La grande volata (testo e regia, 2007), Con buona pace (testo e regia, 2008), Il fuoco di Hanifa (testo, 2010), La Città di Plastica (testo, 2012), Conciliare stanca (testo e regia 2013), Autobiografia di una donna qualunque (testo e regia, 2014), Malafemmina (testo, 2015) Maguy – La prison des inconnues (in lingua francese testo e regia, 2015), In A Better World (in lingua inglese, francese, spagnolo, italiano, testo e regia, 2016), Sisigambi, Regina di Persia (testo e regia, 2017).

 

 

 

 

LIBRI

         Ha pubblicato diversi libri tra i quali La scure su Davide. Le leggi razziali del 1938 (2005), Il Pascolo dei Cammelli (2006), Il cimitero dei pazzi. I quattromila dimenticati di Cadillac sur Garonne (2010), L’ultima bracciata (2012), Milesker, scoprire la cultura del paese basco francese (2014), Ma che calcio dici (2014), Sguardi liberi (2015), La tifosa di ‘Messi’ (2016), Sisigambi, Regina di Persia (2019), Iscariota (2020). In Francia ha pubblicato il libro La prison des inconnues (opera non tradotta ma scritta direttamente in francese, 2016). Nell’ottobre 2021 è prevista l’uscita del suo nuovo libro.

 

 

FILMOGRAFIA

          Ha realizzato il lungometraggio, di cui è autore e regista, dal titolo Tra le onde nel cielo (2016) che racconta la tragedia dimenticata della Nazionale Italiana di Nuoto perita nei cieli di Brema nel 1966. Ha scritto anche le parole della canzone finale dal titolo “Among the waves in the sky” cantata da Eleonora, brano uscito a fine gennaio 2017. La pellicola è stata proiettata il 17 maggio 2016 nella sezione Doc Corner del Festival del Cinema di Cannes ed è stato presente per tutto il periodo del Festival nel Pavillon Europe. Il film è stato trasmesso su Rai Storia il 26 novembre 2016 realizzando un’audience di quasi 2 milioni di spettatori (dati Auditel e tra i primi cinque programmi più visti della rete del 2016) ed è stato in concorso nella sezione Documentari dei Premi David di Donatello 2017.

Nel marzo del 2018 è uscito il docu-film, di cui è autore e regista, dal titolo “Vorrei dire ai giovani…Gina Borellini, un’eredità di tutti” che narra la storia di una delle prime donne entrate nel Parlamento nel 1948, dopo la concessione del diritto di voto alle donne. Il docu-film è stato presentato l’8 aprile 2018 presso la Camera dei Deputati, su invito della Presidenza. Nel gennaio 2020 progetta e realizza a Sassuolo il corso “Il Gioco del Cinema” sui temi della ludopatia e del gioco d’azzardo, iniziativa che si è finalizzata con la realizzazione di un cortometraggio, che ha visto protagonisti i partecipanti del corso, dal titolo “Un giocatore non sorride mai”. Nel febbraio 2020 realizza il cortometraggio “Conciliare stanca” sul tema della violenza contro le donne che è stato presentato in anteprima assoluta al Buk Film Festival il 16 ottobre 2020. Il cortometraggio ha raggiunto la finale al “Castello Film Festival”, al LIFF – Lamezia International Film Festival, al “Nursind Care Film Festival dove ha vinto il Premio Cadom (Centro Aiuto Donne Maltrattate), al  Mirabilia International Film Festival dove ha vinto il premio come “Miglior Regia”. Ho vinto il Premio come Miglior Corto al GIMFA - Gralha International Monthly Film Awards 2021 di Curitiba in Brasile. Il cortometraggio è stato in concorso per il Premio David di Donatello nella sezione cortometraggi.

Ha da poco ultimato le riprese del lungometraggio “L’Incanto e la Delizia” sulle vicende del Duca Francesco I d’Este e ambientato nel 1600 nel Palazzo Ducale di Sassuolo che è stato ufficialmente presentato a Sassuolo sabato 5 giugno 2021.

 

I più visti

Cinestar

È composto da 7 sale cinematografiche e 1200 posti e nella sua sala 3, la più grande, è possibile assistere a proiezioni in 3D. Il suo storico edificio è quello della “ex-Termica”, ufficialmente conosciuto ai tempi come “Centrale di Cornaredo”.

Info

Prof. Andrea Gentilomo Md PhD

Direttore della Scuola di Specializzazione in Medicina Legale Università degli Studi di Milano

Info

Monica Baldaccini

Nasco il 5.11.1961 in Valsolda, piccolo paesino affacciato sul Lago Ceresio. Un luogo in cui il Fogazzaro diede alla luce “Il piccolo mondo antico”. Ci vissi fino alle’età di 6 anni per poi trasferirmi in Toscana paese d’origine di mio padre...

OtherEdu