Drago Stevanovic con membri della Giuria: Umberto Calamida e Al Fadhil

Motivazioni

MEMORIES ON THE ROAD di Víctor González Rubio

IT

“Memories on the Road è un diario di viaggio, una sorta di dialogo tra frammenti di passato in sospensione, un’amalgama di impressioni che evocano una certa nostalgia per un tempo che non tornerà più. “ GD

"Questo video è un esempio riuscito di unione tra obsolete e moderne tecnologie.

L'artista, tramite un vibrante montaggio, ha creando una solida narrazione convincente.” AF

"Un viaggio profondo, un percorso tecnico semplice ma con una dimensione che trova livelli inconsci. Un cortocircuito di emozioni cerebrali, un trasporto che non lascia lo spettatore indifferente.” UC

 

EN

"Memories on the Road is a travel diary, a sort of dialogue between fragments of the past in suspension, an amalgam of impressions that evoke a certain nostalgia for a time that will never return. "GD

"This video is a successful example of the union between obsolete and modern technologies.

The artist, through a vibrant montage, has created a convincing solid narrative. " AF

 

"A profound journey, a simple technical journey but with a dimension that finds unconscious levels. A short circuit of cerebral emotions, a transport that does not leave the viewer indifferent." UC

I più visti

Pier Poretti

Nato a Lugano, Svizzera Italiana, nel 1950, Pier Poretti ha iniziato la sua carriera artistica ventiduenne.

OtherEdu

Prof. Andrea Gentilomo Md PhD

Direttore della Scuola di Specializzazione in Medicina Legale Università degli Studi di Milano

Info

5 ottobre 2020 Liceo cantonale di Lugano 1 Viale Carlo Cattaneo 4, 6900 Lugano.

22/09/2020

Ore 17.00 – 18.30 Selezione per la proiezione al Liceo di Lugano 1| Evento riservato agli studenti del Liceo, con partecipazione di Kiryl Hramadka, Alex Chung e il direttore del Festival, Drago Stevanovic. Breve saluto da direttrice Valeria Doratiotto Prinsi.

News

OtherPhoto presenta libro:"gris-gris in senegal"di Fabrizio Biaggi

La dimensione mistica è profondamente radicata nella cultura africana. La quotidianità di queste popolazioni è intrisa di sacralità e rimane profondamente legata al culto dell’animismo. Vi trova quindi spazio una dimensione soprannaturale, che nella società occidentale è relegata perlopiù alla sfera della superstizione. Amuleti, oggetti sacri, riti, momenti e sguardi sono catturati nelle immagini di questa pubblicazione.

OtherEdu