Giovedì 24 settembre a Lugano il fotoreporter torinese Ugo Lucio Borga presenta il suo libro ‘Il sudario di latta-Taccuini di guerra’ (2015). L’incontro, aperto a tutti, si terrà alle 18.30 allo Spazio 1929 in Via Ciseri 3 ed è organizzato da OtherMovie Lugano Film Festival, sezione OtherPhoto. Sotto i riflettori, il lavoro del giornalista di guerra, i conflitti aperti e dimenticati, gli estremismi; in particolare, Ugo Lucio Borga parlerà di Libano, Siria, Libia, Somalia e Ucraina e nel corso della serata, verranno anche mostrate immagini e video realizzati dal giornalista nelle sue trasferte.

Il potere che un’immagine può esercitare sull’opinione pubblica ce l’ha dimostrato la drammatica storia del piccolo Aylan, il bimbo curdo trovato senza vita su una spiaggia turca, morto nel tentativo di trovare la sicurezza dall’altra parte del mondo. E proprio nelle settimane in cui l’Europa tocca con mano le conseguenze di conflitti che pensava lontani, Othermovie propone di ascoltare la voce di chi, armato di obiettivo e taccuino, ha attraversato l’inferno della guerra a diverse latitudini, e ne è riemerso con la convinzione che ‘la pace si costruisce solo durante la pace’.

Quella di Ugo Lucio Borga è una testimonianza diretta e preziosa, soprattutto in questo momento, quando per i giornalisti diventa sempre più difficile e rischioso fare il proprio lavoro; l’incontro sarà un’occasione per sentire raccontare le storie di chi in mezzo alla guerra ci si ritrova anche senza colpa, di chi è costretto a fare delle scelte, di chi cerca semplicemente di sopravvivere. Le storie in cui Ugo Lucio Borga si imbatte nei suoi viaggi.

Ugo Lucio Borga (1972) è un fotogiornalista e scrittore italiano. Si occupa da sempre di guerre, anche di quelle dimenticate, di crisi umanitarie, di temi sociali e ambientali in Africa, Sud America, Medio Oriente, Asia, Europa. I suoi reportage sono stati pubblicati e diffusi da giornali, radio e TV internazionali. Ha coperto, tra gli altri, la primavera araba, la guerra civile in Repubblica Democratica del Congo, la Repubblica Centrafricana, la Somalia, l’Eritrea, la Libia, la Siria, gli scontri nel nord del Libano e la crisi Ucraina.


Per informazioni: Chiara Sulmoni, collaboratrice di Othermovie Lugano Film Festival e moderatrice della serata,
079 244 47 31 / chiara.sulmoni@hotmail.it
© Ugo Lucio Borga

Lascia un commento

I più visti

L'edizione 2018

04/02/2018

Il Festival si svolgerà dal 15 al 22 aprile 2018 in diverse sale cinematografiche e sedi culturali del Luganese (Exmacello,Studio Foce, Cinestar, Lux art house, Art On...paper Gallery), del Mendrisiotto e del Locarnese. L’apertura si terrà domenica 15 aprile allo Studio Foce di Lugano, con i saluti ufficiali e uno spettacolo video-musicale.

News

Lugano ospita due registi Kazaki: Darezhan Omirbaev e Emir Baigazin da 9-16 dicembre 2015 - Il Ciani e Cinema Iride

01/12/2015

Diari fotografici di due tra i più Interessanti registi kazaki contemporanei: Darezhan Omirbaev ed Emir Baigazin. Un modo inconsueto e intimo per conoscere un paese tanto lontano quanto affascinante. Ex repubblica dell’Unione Sovietica, il Kazakhstan avanza verso la modernità a ritmi impressionanti e con un po’ di nostalgia per il suo passato. Organizzata in occasione della Festa Nazionale del Kazakhstan, la mostra è curata da Alex Chung, Servizio relazioni pubbliche della Città di Lugano e Anna Vilgelmi, produttrice del National Film Studio of Kazakhstan. Il progetto è stato realizzato con il sostegno di CISA ed Ente Turistico del Luganese. Si ringraziano LuganoPhotoDays e OtherMovie Lugano Film Festival. Il 9 dicembre alle ore 18.00 avrà luogo il vernissage dell'evento, al quale saranno invitati le autorità diplomatiche kazake e svizzere che operano in questo Paese, nonché i rappresentanti delle associazioni e delle aziende che intrattengono scambi e relazioni con il Kazakistan. Saranno presenti : Darezhan Omirbaev, Emir Baigazin e la produtrice Anna Vilgelmi. È prevista una proiezione del film "Student", presso la Cinema Iride alle ore 20.00.

News

Cina Cinema: A riflettori spenti, discussione con Stephen Kelly

Il fotografo Stephen Kelly, nato nel 1983 in West Cumbria, Inghilterra, è cresciuto tra Lagos, Muscat e Hong Kong e nel 2006 si è laureato in fotografia documentaria all’Università del Galles di Newport. Dopo aver completato gli studi, Kelly è ritornato ad Hong Kong, dove ha lavorato a progetti personali, eseguito incarichi editoriali e insegnato presso il dipartimento di giornalismo della Hong Kong Baptist University.

otherPHOTO