@FFrancati "Analisi economica non convenzionale"


 

IL PROGETTO

 

Il denaro è parte integrante e insostituibile della nostra società.

Ne diamo per scontato il suo utilizzo.

Ma quanto sappiamo sul suo conto ?

Sulla sua natura, sulle sue dinamiche ?

Questa visione, nella sua fin troppo banale espressione provocatoria, non vuole essere un ennesimo puntare il dito sul sistema ( banche, signori del denaro, multinazionali, etc. ).

Al contrario, vuole prendere coscienza dell’oggetto denaro e attribuirgli un’anima.

Con rispetto e umiltà.

Questo oggetto ci accompagna nelle nostre esigenze di scambio.

Esso è solo una rappresentazione e una branca della nostra più peculiare caratteristica, il linguaggio.

E difatti anche nella sua attuale espressione ci rivela di essere tale.

Una banconota nella sua rettangolare forma è figlia del linguaggio geometrico. Figlia del linguaggio cromatico nella scelta dei colori, figlia del linguaggio visivo/ storico nelle scelte dei soggetti da inserirvici, figlia del linguaggio matematico algebrico nel numero che ne identifica il suo valore quantitativo.

Il denaro dunque è un’ espressione della natura umana, nel bene e nel male, e come tale va rispettato.

Ma per poterlo rispettare andrebbe conosciuto.

E conoscendo e rispettando lui, forse, un giorno potremo arrivare a rispettare di più anche noi stessi.

Questo progetto si pone dunque lo scopo che ci si facciano più domande sulla natura del denaro, partendo dal basso e dalle sue origini.

Senza puntare il dito su nessuno, e senza demonizzarne la sua natura, attraverso clichè di potere, di mistificazione e frustrazione.

Ammesso che l’umanità versi in condizioni non proprio ottimali, non è al denaro che si possono imputare tali responsabilità, bensì alla natura violenta del mondo, che si serve di qualunque mezzo per potersi affermare.

Le domande che possiamo porci sono ancora tante, molte delle quali del tutto nuove.

Il progetto vuole provare a porsi e a suscitare queste nuove domande attraverso immagini evocative, supportando e articolando tali immagini con contenuti scritti, mostre e installazioni che ne supportino il messaggio a 360 gradi.

Il denaro nella sua forma fisica è un simbolo tangibile della nostra natura.

Resterà tangibile alle nostre mani ancora per poco.

Figlio dei nostri tempi esso segue le nostre trasformazioni.

Molto presto la sua natura sarà solo virtuale, mnemonica, figlio del linguaggio come tutti gli altri linguaggi tornerà da dove è venuto, nel mondo delle relazioni e delle interazioni binarie.

Ma noi, che nel bene o nel male siamo ormai l’ultima generazione che resterà a contatto con questa forma fisica di espressione simbolica di valore, dobbiamo celebrare la sua natura come una sorta di

“lungo addio”.

Perché anche se il futuro prevede “technologie” inimmaginabili per i nostri successori, è probabile che nessuna persona proverà più le sensazioni da “compagno di viaggio” che oggi è ancora possibile provare avendo fra le mani una “mazzetta”.

Proprio come la vita biologica come noi la intendiamo è possibile solo attraverso l’acqua che ha il suo più grande fascino nella sua incomprimibilità in quanto liquida.

Così il denaro, nella sua fallacità, da sempre si ripromette di tramandarci una quantità e una qualità incompribile dei nostri valori, dai più miseri ai più preziosi.

 

                                                                                                         Simone Felici

 

Lascia un commento

I più visti

L'edizione 2018

04/02/2018

Il Festival si svolgerà dal 15 al 22 aprile 2018 in diverse sale cinematografiche e sedi culturali del Luganese (Exmacello,Studio Foce, Cinestar, Lux art house, Art On...paper Gallery), del Mendrisiotto e del Locarnese. L’apertura si terrà domenica 15 aprile allo Studio Foce di Lugano, con i saluti ufficiali e uno spettacolo video-musicale.

News

Lugano ospita due registi Kazaki: Darezhan Omirbaev e Emir Baigazin da 9-16 dicembre 2015 - Il Ciani e Cinema Iride

01/12/2015

Diari fotografici di due tra i più Interessanti registi kazaki contemporanei: Darezhan Omirbaev ed Emir Baigazin. Un modo inconsueto e intimo per conoscere un paese tanto lontano quanto affascinante. Ex repubblica dell’Unione Sovietica, il Kazakhstan avanza verso la modernità a ritmi impressionanti e con un po’ di nostalgia per il suo passato. Organizzata in occasione della Festa Nazionale del Kazakhstan, la mostra è curata da Alex Chung, Servizio relazioni pubbliche della Città di Lugano e Anna Vilgelmi, produttrice del National Film Studio of Kazakhstan. Il progetto è stato realizzato con il sostegno di CISA ed Ente Turistico del Luganese. Si ringraziano LuganoPhotoDays e OtherMovie Lugano Film Festival. Il 9 dicembre alle ore 18.00 avrà luogo il vernissage dell'evento, al quale saranno invitati le autorità diplomatiche kazake e svizzere che operano in questo Paese, nonché i rappresentanti delle associazioni e delle aziende che intrattengono scambi e relazioni con il Kazakistan. Saranno presenti : Darezhan Omirbaev, Emir Baigazin e la produtrice Anna Vilgelmi. È prevista una proiezione del film "Student", presso la Cinema Iride alle ore 20.00.

News

Un salto al cinema... focus Iran [corti in rassegna]”

16/03/2018

Nell'ambito dell'OtherMovie Art Happening, che si terrà all'Ex Macello dal 10 al 15 aprile, anche il cinema farà la sua parte con la proiezione di 5 corti iraniani di recente produzione per permettere al pubblico di avvicinarsi a questo paese e vederlo da diverse sfacettature, con un'enfasi su temi sociali. Parteciperanno alla serata Seyed Ali Hosseini e Mojgan Mashini, entrambi di origine iraniana e in Svizzera da anni, con cui il pubblico avrà modo di dialogare ad ampio raggio dopo la proiezione e durante la bicchierata conviviale che concluderà l'evento.

Programma 2018

No name

31/10/2013

© OtherMovie Lugano Film festival

otherGallery

Cina Cinema: A riflettori spenti, discussione con Stephen Kelly

Il fotografo Stephen Kelly, nato nel 1983 in West Cumbria, Inghilterra, è cresciuto tra Lagos, Muscat e Hong Kong e nel 2006 si è laureato in fotografia documentaria all’Università del Galles di Newport. Dopo aver completato gli studi, Kelly è ritornato ad Hong Kong, dove ha lavorato a progetti personali, eseguito incarichi editoriali e insegnato presso il dipartimento di giornalismo della Hong Kong Baptist University.

otherPHOTO