Ad integrazione di quanto proposto in ottobre con le tre serate a sostegno della Settimana della Solidarietà, i due eventi di novembre presentano un approccio al tema di tipo più artistico e filosofico che informativo. I contributi sono variati e spaziano dalla fotografia, alla letteratura, alla filosofia, al cinema. Hanno aderito volentieri anche l’associazione Camelia Club Giapponese e Radio Gwendalyn. Alcune signore eritree ci aiuteranno con il rinfresco e un amico viticoltore ticinese ci fornirà il suo ottimo vino, per chiudere le serate in convivialità. 

 

Le serate  sono ad ingresso libero, accessibili e aperte a tutti coloro che possono prendersi un attimo per guardare le frontiere da punti di vista diversi.

 

Posso invitarvi a partecipare e  chiedervi di aiutarci a promuovere l’iniziativa? Vi invio le locandine in versione web e in formato stampa. 

PROGRAMMA "ZONE DI FRONTIERA"

“LA FRONTIERA IN IMMAGINI E PAROLE”

GIOVEDÌ 24 NOVEMBRE 2016, SPAZIO LAMPO (VIA LIVIO 16), CHIASSO, 18.30–21.30

 Interverranno:

Jacek Pulawski (fotografo) presenta una selezione di foto dal suo lavoro "Dreaming with them, Milano”

Sascha Cormano (docente in scienze delle religioni) propone un’attività di lettura dal titolo “Noi e loro”

Modera: Fabio Merlini (filosofo)

 


“FRONTIERE, TRA GRANDE SCHERMO E ESPRIENZE SUL TERRITORIO”

VENERDÌ 25 NOVEMBRE 2016,  CINEMA TEATRO (via Dante Alighieri 3b), CHIASSO, 20.00–23.30

Apertura con esposizione fotografica “Tsunami 11 marzo 2011 - Tohoku Japan” curata da Chiaki Schmeer

Proiezione del lungometraggio La città senza notte | di Alessandra Pescetta | Italia-Regno Unito, 2015 | 89’ e dibattito.

Intervengono nel dibattito: Alessandra Pescetta (regista), Francesca Scotti (scrittrice) e alcuni membri del Camelia Club Giapponese - Modera: FARIntercultura.

Organizzatori:

FARIntercultura http://farintercultura.ch/ e OtherMovie http://othermovie.ch/

Con il sostegno del Servizio per l’integrazione degli stranieri nell’ambito del Programma di integrazione cantonale (PIC) 2014-2017 e del Comune di Chiasso .

Lascia un commento

I più visti

Apertura OtherMovie Lugano Film Festival 2019

26/02/2019

In trasformazione, eppure sempre uno dei pilastri della società, la famiglia é il tema centrale dell'ottava edizione. Una tematica ampia, che OtherMovie intende restringere ai propri campi d'azione legati all'integrazione. Sono numerosi i casi di nuclei famigliari composti da nazionalità miste: storie di successo che - per quanto 'scontate' nella loro normalità - è giusto vadano sottolineate. E poi casi critici, che sfociano talvolta nella cronaca e nella tragedia. È importante perciò tematizzare i problemi legati alla sfera famigliare e gli strumenti esistenti sul territorio per dare delle risposte a chi si trova confrontato con difficoltà di vario genere. Ma la famiglia è ormai un qualcosa di estremamente complesso; ci sarà così modo di parlare anche di famiglie monoparentali, coppie che scelgono di non avere figli, adozioni, partnership registrate e non e dell'istituzione matrimoniale. Sarà anche lo spunto per trattare naturalmente il tema con gli occhi di culture diverse e capire quali sono quei punti che ci dividono e quali - sicuramente più numerosi - quelli che invece ci accomunano gli uni con gli altri.

Programma 2019

Prof. Andrea Gentilomo Md PhD

Direttore della Scuola di Specializzazione in Medicina Legale Università degli Studi di Milano

Info

Prefestival: LUX art house Massagno

30/05/2017

Mostra Fotografica “10 anni di Kustendorf” ore 18.00 | Ore 20.30 ENCLAVE (ENKLAVA) di Goran Radovanovic

Programma 2017

Drago Stevanovic

Fotografo e cineasta con un percorso artistico di respiro internazionale, ha all’attivo diverse mostre collettive e personali. Da anni è fotografo di scena del Teatro Popolare della Svizzera Italiana.

otherPHOTO

Cinema Lux

Resiste. Resiste contro venti e maree. Contro la moda dei multiplex e la diffusione dei DVD. Il cinema Lux di Massagno sopravvive in un contesto problematico. E vi riesce grazie al sostegno del Comune, di un’associazione di amici e soprattutto grazie alla tenacia e all’idealismo di Maurice Nguyen che con sua moglie tiene in vita una sala cinematografica simbolo di qualità e di originalità.

Info