OLYMPUS DIGITAL CAMERA

SUPERMARKET

"Niente di quello che vedi esposto all’interno di un supermercato o in un negozio di una qualsiasi catena della grande distribuzione è finito sugli scaffali per caso. Gli esperti del marketing riescono a manipolare le nostre scelte di consumatori grazie ad alcuni trucchi che sfruttano sia l’impossibilità di accedere a importanti informazioni sia i punti deboli della mente"

La messa in scena delle merci, a cui siamo abituati ormai da decenni, opera a livello inconscio in profondità. La serie SUPERMARKET (2013 -on going) dedicata alle carni mostra la linea di confine tra il desiderio e il disgusto, la natura distopica dell'esperienza animale, del sangue e della morte, anestetizzata dalle confezioni della grande distribuzione, asettiche e serializzate. 

Maurizio Molgora

In Svizzera ha pubblicato, tra le altre, per Extra del Corriere del Ticino e Il Diavolo. 
Dopo qualche esperienza nella pittura neo-espressionista (partecipazione a diverse collettive) ha scelto di dedicarsi alla fotografia, disciplina che affianca a grafica e illustrazione nella sua attività professionale.

La ricerca fotografica di Molgora spazia attraverso le categorie stabilite per trovare un proprio linguaggio che parte dal reale e indaga i territori limitrofi innestando una componente di meraviglia "psichedelica" nell'osservazione.

L'approccio di Molgora alla fotografia si lega in modo indissolubile alla sua esperienza personale ed umana, ad una visione di DO IT YOURSELF radicata, insofferente alle categorie e ad ogni forma di purismo, innestata nel quotidiano, dal quale trae carburante ideologico ed esistenziale, evitando trappole intellettuali ed estetiche, tanto da essere defiinita "fotografia punk".

 

Ha partecipato a diverse collettive e ha realizzato numerose esposizioni personali: 


- The Sleeping Series, presso la Galleria FaFa di Lugano nel 2013, 

- Infrarealities (indagine sulla Valle del Vedeggio) presso I2a Istituto internazionale di Architettura nel 2014

- Paparazzo, presso Galleria la Loggia di Carona, nel 2014

- Animae - 4 fotografi con la propria visione in bilico tra corpo e spirito, Areapangeart Camorino nel 2016

- EstivaLove - Galleria Zenzero Lugano 2017

- Citta divise/città plurali - Biennale dell'Immagine 2017 (selezione del concorso)

Lascia un commento

I più visti

Cinestar

È composto da 7 sale cinematografiche e 1200 posti e nella sua sala 3, la più grande, è possibile assistere a proiezioni in 3D. Il suo storico edificio è quello della “ex-Termica”, ufficialmente conosciuto ai tempi come “Centrale di Cornaredo”.

Info

Cinema Iride Lugano

Il Cinema Iride si trova nel cuore del Quartiere Maghetti, proprio nel centro della città di Lugano. Nelle immediate vicinanze si trovano diversi posteggi. Gli autosili più vicini sono il Balestra e quello di Piazza Castello (Palazzo dei Congressi). Il Cinema è anche facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici. Dista, infatti, solo 5 minuti a piedi dal terminal principale dei bus di Lugano Centro (Pensilina Botta).

Info

Gaia Serena Simionati

Critico d’arte, e cinematografico, giornalista, curatore.

Info