© Emir Baigazin

A seguito di alcuni contatti intercorsi con il Film Studio Nazionale del Kazakistan, è emersa la possibilità di realizzare una rassegna audiovisiva sul Kazakistan, in occasione della sua Festa Nazionale.

L’esposizione, che si inserisce nella strategia di sviluppo di contatti e di relazioni con la Repubblica centroasiatica, presenta i diari fotografici di due tra i più interessanti registi kazaki contemporanei: Darezhan Omirbaev e Emir Baigazin. Attraverso trenta scatti accuratamente selezionati, i due registi confermano il loro talento narrativo, regalandoci un punto di vista molto originale e interessante, che ci avvicina ad un Paese ancora poco conosciuto. Ex Repubblica dell’Unione Sovietica, il Kazakistan si sta incamminando sulla via della modernizzazione a ritmi impressionanti e con un po’ di nostalgia per il suo passato.

 

Il Kazakistan rientra fra gli obiettivi strategici di sviluppo della politica economica della Confederazione: è stato infatti identificato come meta di interesse dalle associazioni economiche e commerciali attive in Svizzera e nel nostro Cantone, in particolare dalla Switzerland Global Enterprise e dalla Camera di Commercio, dell’industria, dell’artigianato e dei servizi del Cantone Ticino, con i quali la Città di Lugano intrattiene relazioni regolari.

 

Nota biografica dei due registi:

Darezhan Omirbaev, nato il 15 marzo 1958, è un regista e sceneggiatore kazako. Ha diretto nove film. Il suo secondo cortometraggio “Shilde”, girato in bianco e nero, è autobiografico, come lo sono i suoi primi due lungometraggi “Kairat” e “Kardiogramma”. Il film “Killer”, giallo ispirato all’opera “Il denaro falso” di Tolstoj,  è stato proiettato nella sezione “Un Certain Regard” al Festival di Cannes 1998, dove è stato premiato. A seguire, altri due film tratti da opere letterarie: “Shuga” e “Student”, rispettivamente tratti da “Anna Karenina” di Tolstoj e “Delitto e castigo” di Dostoevskij. Il film “Studente” è stato selezionato nella sezione “Un Certain Regard” al Festival di Cannes 2012.

Emir Baigazin, nato il 19 luglio 1984, ha iniziato la sua carriera come attore di teatro. Ha studiato cinema e regia televisiva all'Accademia d'Arte Nazionale kazaka. Nel 2007 ha partecipato all’Asian Film Academy a Busan, Corea del Sud e nel 2008 al Talent Campus della Berlinale. Dopo una serie di cortometraggi, nel 2013 ha diretto il suo primo lungometraggio: “Harmony Lessons”, un dramma che racconta le avventure di un giovane kazako di provincia; il film, inserito nel concorso ufficiale del 63° Festival di Berlino, ha vinto l'Orso d'Argento.

Lascia un commento

I più visti

Gülsüm Demirci

Mediatrice culturale

Concorso

Il Tema 2020: Ecologia, Sostenibilità ambientale, Clima ...

01/11/2019

Ecologia | Sostenibilità ambientale | Clima: Distruzione o distrazione umana?

News

Prof. Andrea Gentilomo Md PhD

Direttore della Scuola di Specializzazione in Medicina Legale Università degli Studi di Milano

Info

Marco Borradori

11/04/2019

Sindaco Città di Lugano

OtherInterview

Apertura OtherMovie Lugano Film Festival 2019

26/02/2019

In trasformazione, eppure sempre uno dei pilastri della società, la famiglia é il tema centrale dell'ottava edizione. Una tematica ampia, che OtherMovie intende restringere ai propri campi d'azione legati all'integrazione. Sono numerosi i casi di nuclei famigliari composti da nazionalità miste: storie di successo che - per quanto 'scontate' nella loro normalità - è giusto vadano sottolineate. E poi casi critici, che sfociano talvolta nella cronaca e nella tragedia. È importante perciò tematizzare i problemi legati alla sfera famigliare e gli strumenti esistenti sul territorio per dare delle risposte a chi si trova confrontato con difficoltà di vario genere. Ma la famiglia è ormai un qualcosa di estremamente complesso; ci sarà così modo di parlare anche di famiglie monoparentali, coppie che scelgono di non avere figli, adozioni, partnership registrate e non e dell'istituzione matrimoniale. Sarà anche lo spunto per trattare naturalmente il tema con gli occhi di culture diverse e capire quali sono quei punti che ci dividono e quali - sicuramente più numerosi - quelli che invece ci accomunano gli uni con gli altri.

Programma 2019