Protagonisti della Apertura del OtherMovie 2017


Miss Stereochemistry

L’espressione musicale di Stereochemistry viaggia sulle righe di Ani Di Franco, Regina Spektor, Victoria Williams ecc. ma non aspettatevi un’altra musicista indie-folk timida ed introversa sul palco.

Vi presentiamo Miss Stereochemistry invece: un consorzio vagabondante di cinque extraterrestri che condividono un corpo umano, alle prese di esplorare ed illuminare l’umanità sulla sua propria esistenza contraddittoria sul Pianeta Terra.

Stereochemistry serve i propri punti di vista e spunti di riflessione sulla società, politica, sesso, religione, amore, depressione, interazioni umane, in uno spettacolo di cabaret satirico senza peli sulla lingua, accompagnata dalla sua chitarra, pianoforte, ukulele, arco di violino e la loop station.

Dietro questo one-woman show si nasconde Karla Hajman, un’artista e scienziata originariamente di Belgrado, ma cresciuta tra Italia, Spagna, Svezia e Germania, che ha lasciato il suo dottorato in Audiologia Sperimentale per dedicarsi esclusivamente alla musica. La sua flessibilità creativa le ha permesso di aggiudicarsi di tutto, da un brevetto per una chemioterapia fino alle collaborazioni musicali con legende del indie, techno e funk, come Jason Rubal (Dresden Dolls), Steven Rutter dei B12 (progetto Kinestatics) e George Clinton’s Parliament Funkadelic (membro fisso della formazione P-FUNK Europea dal disco “Transfonkcation” in poi).


Links & Social:

Official webpage: stereochemistrymusic.com

Email: miss@stereochemistrymusic.com

alcuni video: 1 | 2 | 3 | 4 |

Simone Baldini Tosi

Simone Baldini Tosi inizia fin dall'infanzia a studiare musica. Scopre crescendo una profonda passione per il canto e quindi, mentre frequenta il conservatorio "L. Cherubini" di Firenze, fa i suoi primi concerti live spaziando dalla musica leggera, al rock progressive (Midian, Moongarden, Soundwall Project), alla musica minimalista oltre che classica. Nel 1998 si diploma in violino e continua parallelamente alla sua attività di cantante e cantautore a studiare: partecipa al VI Convegno Internazionale di Foniatria e Logopedia “La voce Artistica” avvicinandosi alle tecniche canore del Vocal Power e VoiceCraft, studia armonia e composizione con il Maestro Paolo Mugnai e direzione d'orchestra con il Maestro Lorenzo Parigi.

Durante il suo percorso partecipa ad alcuni concorsi musicali in cui si contraddistingue non solo per la sua voce, ma anche per le sue canzoni. È vincitore del festival San Marino (2002), del concorso Voci Domani (All Music 2003), finalista al TIM TOUR (2003), vincitore Sanremo Rock sezione Cantautori (2005) e finalista per ben due volte di Sanremolab (1998 e 2006).

Queste esperienze lo fanno entrare in contatto e collaborare con alcune importanti personalità della discografia italiana tra cui Alessandro Colombini (Battisti, Venditti, Zarrillo), Mara Maionchi (Ferro, Nannini), Roberto Colombo (Ruggiero), Roberto Mancinelli (Sony/ATV Music Publishing), Fabrizio Federighi (Banda Bardò, Povia, Denovo, Mario Venuti, Luca Madonia).

Grazie alla collaborazione artistica con Fabrizio Federighi nel 2012 Simone entra nel gruppo "Sugar Music" come autore e co-produttore. Nel 2013 Marco Mengoni, vincitore del Festival di Sanremo di quell'anno, sceglie il brano Una parola (testo e musica di Simone Baldini Tosi), per il suo disco #Pronto a correre. L'anno seguente sarà Manuel Foresta, partecipante della prima edizione di The Voice Italia, a scegliere il brano Se fossi ancora qui (musica e testo di Simone Baldini Tosi).

Insieme a Fabrizio Federighi ha partecipato ai lavori di vari artisti: ha inciso le parti di violino nel disco di Luca Madonia L'alieno a cui hanno collaborato tra gli altri Franco Battiato e Carmen Consoli, ha suonato nel disco "Però quasi" di Freak Antoni & Ale Mostacci dove ha duettato tra gli altri anche Luca Carboni e ha co-prodotto il duo La$ignora, progetto discografico di Sugar Music (2013).

Nel 2014 dirige e canta nel progetto di sua ideazione Leggera Sinfonia dove la musica classica, quella popolare e quella elettronica si fondono in un linguaggio nuovo. Lo studio della direzione di orchestra lo porta al allargare la sua attività artistica e quindi dirige a Firenze l'Inno alla gioia" di Beethoven e a Roma al "Pala Tiziano" le musiche di Richard Strauss, John Towner Williams e di Lana e Andy Wachowski. Nel luglio 2015 viene invitato come voce solista dalla Fantomatik Orchestra durante la loro esibizione al Pistoia Blues Festival '15.

Simone Baldini Tosi in questi anni di elaborazione artistica e di ricerca interiore, sviluppa l'idea per uno spettacolo di musica e parole dal titolo "La Pace è ogni passo" tratto dal libro di Thich Nhat Hanh, in cui agli estratti scelti per la lettura, si alternano brani inediti di Baldini Tosi ispirati agli insegnamenti del grande maestro zen vietnamita.

Nel 2015 Simone Baldini Tosi avvia una collaborazione con l'associazione culturale "I Folli" per la quale cura le musiche degli spettacoli teatrali creati dalla stessa associazione. A fine 2015 va in scena lo spettacolo "Altre direzioni" (regia di Linda Lucherini e Caterina Meniconi) tratto all'omonimo saggio di Enzo Brogi.



Simone Baldini Tosi

Maristella Patuzzi

Maristella Patuzzi, ha iniziato a quattro anni lo studio del violino e del pianoforte.

A soli undici anni ha registrato Tzigane di Ravel per la Televisione svizzera di lingua italiana e nel 2000 la Sony ha pubblicato un suo CD live.

Ha conseguito a diciassette anni, il Diploma in violino con il massimo dei voti, lode e menzione speciale al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, sotto la guida di Roberto Valtancoli, con il sostegno della Fondazione Pierino Ambrosoli di Zurigo.

Maristella Patuzzi ha studiato anche con Susanne Holm e Massimo Quarta. Nel marzo 2005 è stata ammessa, con borsa di studio per merito, nella classe di Miriam Fried, all’Indiana University, Bloomington dove, dal 2006, ha studiato sotto la guida di Mark Kaplan; nel 2008 ha conseguito il Master in violino con il massimo dei voti. Nel 2009 si è perfezionata con Sergej Krilov. Nel 2011, al Conservatorio della Svizzera italiana, sotto la guida di Carlo Chiarappa, ha conseguito il Master of Arts in Specialized Music Performance in violino con il massimo dei voti e lode.

Dal 2002 ha tenuto concerti come solista con varie orchestre quali: l’Orchestra della Svizzera italiana, di Padova e del Veneto, dell’Indiana University, con l’Adelphi Symphony Orchestra di Long Island, New York, con l’Orchestra da camera di Lucerna, Orchestra Mitteleuropa “Lorenzo da Ponte” e Philharmonia Orchestra di Londra.

Nel 2013 ha eseguito e registrato in prima assoluta il Concerto per violino e archi di Manuel De Sica, all’Auditorium Niccolò Paganini di Parma, con l’Orchestra Arturo Toscanini diretta da Flavio Emilio Scogna; il Concerto è pubblicato in CD nel 2014 dalla Brilliant Classics.

Nel gennaio 2015 sono stati pubblicati due CD monografici: per Brilliant Classics un CD dedicato alla musica di Bloch eseguito in duo con il padre, Mario Patuzzi, e registrato all’Auditorium della RSI. Il secondo un CD dedicato a Piazzolla intitolato “Intimamente Tango” edito da DECCA (Universal Music) realizzato con l’arpista Floraleda Sacchi.

Ha vinto il primo premio ai concorsi nazionali e internazionali di violino e ha suonato al Progetto Martha Argerich, all’International Festival Rostropovich a Baku, a Les Classiques de Villars sur Ollon, al Settembre Musica MITO a Milano, a Torino, per la Società del Quartetto di Bergamo e per l’Octobre Musical de Carthage 2014. Attualmente suona lo Stradivari Ex Bello 1687, prestato da un collezionista privato.

Maristella Patuzzi

Kerem Brera

Kerem Brera nasce a Monza da una famiglia di musicisti. Si diploma al Conservatorio “G. Verdi” di Milano sotto la guida del M° Marco Scano nel 2003 e consegue la laurea specialistica di II livello nel 2006 con il massimo dei voti. Frequenta alla Scuola di Musica di Fiesole, i corsi del M° Bronzi. Ottiene i Masters of Arts in Music Pedagogy e Music Performance al Conservatorio della Svizzera Italiana nella classe del M° Robert Cohen . Membro della European Union Youth Orchestra dal 2006 al 2008, prende parte alle tournèe suonando in tutta Europa sotto la guida di V.Ashkenazy. Collabora con diverse orchestre italiane e suona sotto la direzione di G. Kuhn, G.G. Rath,D. Kawka, P.Bellugi, Lu Jia, S.Accardo e J. Axelrod. Suona per diversi Enti musicali, prevalentemente in formazioni cameristiche in Italia e all’estero. Suona al Jazz festival di Novara.

Nel 2010 è invitato a suonare al festival di musica da camera di Praga, dove si esibisce al Senato della Repubblica Ceca. Suona per l’Estival Jazz, il Longlake Festival di Lugano e il Festival sull’Acqua di Colico collaborando con artisti quali Francesco Senese, Danusha Waskiewicz, Fabien Thouand, Paolo Marzocchi e altri. Dal 2012 è violoncellista del “Quartetto Herman” formatosi a Lugano con il quale suona regolarmente in Italia e in Svizzera e con il quale ottiene il I Premio assoluto al concorso internazionale Città di Treviso. E’ fondatore nel 2004 dell’Associazione “Il Classico” Musica e Arte dove insegna violoncello. Dal 2010 è docente di violoncello alla Scuola di Musica “R. Goitre” di Colico e da febbraio 2011 è docente di violoncello presso la SMA Scuola di Musica di Riva San Vitale.

Karem Brera

Marko Miladinovic

Marko Miladinovic nasce il 18/11/1988 a Vukovar (HR). Vive a Chiasso (TI–CH). È artista performativo nel campo delle arti letterarie. Ha partecipato al World Event Young Artist (WEYA – Nottingham, UK 2012) e alla Biennale del Mediterraneo (Ancona 2013). Suoi testi sono presenti su diverse antologie quali “IncastRIMEtrici Vol. 3” (Arcipelago 2013).
Di prossima pubblicazione l'opera prima “L'umanità gentile” (Fenetreproject, Parigi 2014). Canta la felicità e l'oblio con Fedora Saura.


E-mail: mmarko.miladinovic@gmail.com

Sito web: www.scribd.com/marasmamarasma

Marko Miladinovic

Lascia un commento

I più visti

OtherMovie SpinOff-Migliori film al Rivellino

07/08/2017

Durante 70° Locarno Festival in colaborazione con "Il Rivellino" e Arminio Sciolli, membro della giuria OtherMovie Lugano Film Festival 2017 presentiamo migliori film del Concorso [S]guardo da vicino 2017. - AL DI LÀ DEL MARE di Fabio Schifilliti | Italia | 2016 | 20’ - WHOEVER WAS USING THIS BED di Andrew Kotatko |Australia |2016 | 21’ -PROTOCOLLO UMANO di Massimiliano Piozzini | Svizzera | 2016 | 11’

News

Reza Khatir

Reza Khatir nasce nel luglio del 1951 a Tehran. Nel 1968 si trasferisce in Inghilterra per motivi di studio e nel 1976 interrompe gli studi di scienze alimentari al politecnico per dedicarsi completamente alla fotografia.

otherPHOTO

Conferenza e dibattito: "Il cammino incerto. Dove va il Cinema?"

11/06/2017

13 giugno Ore 18.15 [Evento Speciale] in collaborazione con i2a Istituto Internazionale di Architettura, Villa Saroli, Viale Stefano Franscini 9, Lugano

News

Rassegne cinematografiche e About the Middle East

26/05/2017

Ore 18.00 Greek Film Center | Rassegna CISA | Ore 20.00 A proposito del Medio Oriente/About the Middle East

Programma 2017