Finalisti Concorso VideoArt Contest OtherMovie Lugano Film Festival 2018

1.       Darkness di Inese Tikmane e Laima Vainina, Lettonia

2.       Self-portrait di Kostas Makrinos, Grecia

3.       A lot of things don't, don't really exist anymore di Stella Meris, Germania

4.       The Castaway of Dawn di Blas Payri, Spagna

5.       Halfway di Rand Beiruty, Germania

6.       Jungle di Marie Reber, Svizzera

7.       Katagami di Michael Lyons, Canada, Regno Unito e Giappone

8.       Daydream di Arjang Omrani, Grecia

9.       Parasitic Endeavours di Simon Christoph Krenn, Austria

10.   165708 di Josephine Massarella, Canada

11.   In focus memories di Danilo Torre, Italia

12.   Pools di Stephan Zirwes, Germania

13.   Story 2: Scenes 1-9 di Zlatko Cosic, Stati Uniti

14.   Blows With The Wind di Hazhir As’adi, Iran

15.   Mouldy Memories di Edina Csüllög,Anti Naulainen e Helen Unt, Estonia

16.   Mare lente di Mattia Biondi, Italia

17.   Travel Notebooks: Kardzhali, Bulgaria di Silvia De Gennaro, Italia

18.   Stretching of Daily Life di Nenad Nedeljkov, Serbia

 

Ospite speciale: Gaston Dupuy, regista, produttore e video artista (Svezia/Svizzera)

 

Consegna PREMI: Menzione speciale della giuria per Miglior Video Artista OtherMovie Video Art Contest 2018.

I più visti

Nuova Via della seta /OBOR (One belt, One road)

11/04/2018

Sabato, 21 aprile, LUX art house, Massagno|Ore 20.05 | Nuova Via della seta /OBOR (One belt, One road)

Programma 2018

Selezione “Other Best Swiss Short 2018"

11/04/2018

Sabato, 21 aprile, Lux art house, Massagno | Ore 18.00 Selezione “Other Best Swiss Short” 2018 | Selezione dei migliori cortometraggi delle scuole svizzere di cinema Consegna e assegnamento Palmares Festival 2018 e menzione speciale per “Other Best Swiss Short”:

Programma 2018

No name

31/10/2013

© OtherMovie Lugano Film festival

otherGallery

Finalisti [S]guardo da vicino 2015

Decomporre, destrutturare , mettere in discussione ciò che fino a prima era certezza; anche il cinema si, quello che siamo abituati a vedere. Un cinema che non sente l’assillo di rispondere ma che piuttosto continua ad interrogarsi, insistendo, a volte ripetendo, fino a quando ciò non genera una reazione, un’emozione …E dunque fino a quando ci accorgeremo di non saremo mai gli stessi.

Concorso