Venerdì, 23 marzo 2018, ore 20.30 | Cinema LUX art house, Massagno

Programma della serata: ORE 20.30 Dibattito a cura dell’Avv.Roberta Arnold, ex magistrato, con la partecipazione di: Monica Marcionetti Mejri, responsabile di Antenna MayDay (SOS Ticino),Lugano | Prof. Andrea Gentilomo Md PhD, Direttore della Scuola di Specializzazione in Medicina Legale, Università degli Studi di Milano 

ORE 21.15 Proiezione del film “Fiore del deserto” 

Si tratta di un film biografico tedesco del 2009, diretto da Sherry Hormann. I protagonisti sono Liya Kebede, Sally Hawkins e Craig Parkinson, ed è basato sulla autobiografia della modella di origine somala Waris Dirie.

Regista: Sherry Hormann

Scritto da: Waris Dirie, Cathleen Miller

Sceneggiatura: Sherry Hormann, Smita Bhide, Wüstenblume

Musica composta da: Martin Todsharow, Joy Denalane, Max Herre, Sékou

Tratto dall’omonimo libro autobiografico, il film ripercorre la vita di Waris Dirie, iniziata nei deserti africani e proseguita nel mondo delle top model. 

Nata in un villaggio della Somalia, da una famiglia di nomadi con dodici figli, subì l’infibulazione più o meno all’età di cinque anni. Quando ne aveva tredici, il padrela promise in sposa come quarta moglie a un uomo anziano. Waris, per sottrarsi a un destino che nonaccettava, nel cuore della notte, dà tristemente l’addio all’amatissimo fratello minore e fugge prima a Mogadiscio e poi a Londra, nella residenza di uno zio ambasciatore, dove le trovano un posto come cameriera e dove vive per diversi anni come in carcere lontana dal mondo esterno. Ma a seguito dello scoppio della guerra civile in patria, l’ambasciata somala viene chiusa e Waris, ormai adulta (Liya Kebede), è costretta nuovamente alla fuga, per non essere espulsa. Incontra la commessa Marilyn (Sally Hawkins), che condivide con lei la stanza di una pensione; l’amicizia tra le due si rafforzerà quando Waris le confiderà il suo terribile segreto: da bambina è stata sottoposta ad infibulazione, la pratica inumana della mutilazione genitale. Una pratica crudele e comune nella sua patria, che secondo la tradizione dovrebbe preservare la purezza della donna: solo il marito “apre” la sua donna. Un giorno Waris,che nel frattempo ha trovato lavoro come donna delle pulizie in un McDonalds, viene notata da un celebre fotografo di moda, Terry Donaldson, e dopo molte esitazioni si lascia fotografare. 

Si avvera la fiaba: si spalancano le porte del mondo della moda, diventa famosa a livello internazionale, la stampa adora la ragazza nomade che dalla polvere del deserto ha trovato la strada per le passerelle più famose del mondo e davanti ai microfoni della NBC trova il coraggio di raccontare il crudele rituale della mutilazione delle donne e la sua storia personale. Il pubblico mondiale è scioccato, un tabù diventa argomento d’attualità.

Il segretario generale dell’ONU, Kofi Annan, la nomina ambasciatrice straordinaria e per conto dell’ONU, viaggia in tutto il mondo, incontra presidenti, premi Nobel, partecipa a conferenze, per accusare il rituale arcaico, praticato in molti paesi del mondo, di cui sono vittime circa 6000 bambine ogni giorno. Nel film c’è la precisa intenzione di denunciare la pratica dell’infibulazione, che ancora oggi riguarda, solo a New York, 400.000 donne all’anno, e nel mondo, ripeto, 6000 bambine al giorno, ma è anche una favola che ricorda Cenerentola, dove si parla della libertà di amare e del diritto la gioia, con la differenza che è tratto da un’incredibile storia vera.

Lascia un commento

I più visti

Francesco Fumagalli

Fumagalli Francesco Augusto Giovanni Ermanno Camillo, fotografo professionista specializzato in fotografia d’arte (pittura, scultura e architettura).

otherPHOTO

Apertura OtherMovie Lugano Film Festival 2019

26/02/2019

In trasformazione, eppure sempre uno dei pilastri della società, la famiglia é il tema centrale dell'ottava edizione. Una tematica ampia, che OtherMovie intende restringere ai propri campi d'azione legati all'integrazione. Sono numerosi i casi di nuclei famigliari composti da nazionalità miste: storie di successo che - per quanto 'scontate' nella loro normalità - è giusto vadano sottolineate. E poi casi critici, che sfociano talvolta nella cronaca e nella tragedia. È importante perciò tematizzare i problemi legati alla sfera famigliare e gli strumenti esistenti sul territorio per dare delle risposte a chi si trova confrontato con difficoltà di vario genere. Ma la famiglia è ormai un qualcosa di estremamente complesso; ci sarà così modo di parlare anche di famiglie monoparentali, coppie che scelgono di non avere figli, adozioni, partnership registrate e non e dell'istituzione matrimoniale. Sarà anche lo spunto per trattare naturalmente il tema con gli occhi di culture diverse e capire quali sono quei punti che ci dividono e quali - sicuramente più numerosi - quelli che invece ci accomunano gli uni con gli altri.

Programma 2019

Cinema Iride Lugano

Il Cinema Iride si trova nel cuore del Quartiere Maghetti, proprio nel centro della città di Lugano. Nelle immediate vicinanze si trovano diversi posteggi. Gli autosili più vicini sono il Balestra e quello di Piazza Castello (Palazzo dei Congressi). Il Cinema è anche facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici. Dista, infatti, solo 5 minuti a piedi dal terminal principale dei bus di Lugano Centro (Pensilina Botta).

Info

Cinestar

È composto da 7 sale cinematografiche e 1200 posti e nella sua sala 3, la più grande, è possibile assistere a proiezioni in 3D. Il suo storico edificio è quello della “ex-Termica”, ufficialmente conosciuto ai tempi come “Centrale di Cornaredo”.

Info

Nicola Mazzi

Presidente della Giuria

Concorso